Meteo
 


Opinioni

Von der Leyen e l'Europa dei passi perduti

Maurizio Guandalini

Occorre saperlo portare. Il fucsia. Carattere forte e determinato. La Regina Elisabetta. E frau Angela, dei tempi migliori. Mamma, sarta e stilista,  è stata tra quelle che lo ha prediletto. Fece un cappotto in tempi che ci voleva  del coraggio a indossarlo.  Quasi quanto ne ha avuto la neo investita von der Leyen, di giacca raggiante esibita.   La impagliata teutonica di cera, condottiera neoecologista della Commissione europea che, ieri, ha ottenuto il visto ufficiale dal Parlamento europeo. Serviranno decisionismo e dinamismo per strambare un’Europa dei passi perduti. Col blasone ma come se non l’avesse. Perché siamo arrivati a un punto di grande debolezza dell’istituzione. E  di profondo disorientamento dei cittadini. Quasi di fastidio per lo slancio continuo e soporifero delle buone intenzioni. Modaiole. Il verde, il clima, salviamo Venezia. Siamo qui. Bastone e carota? Vorremmo capire i tempi e i modi. Perché cambiare si deve. A Tik tok rispetto al telefono a manovella di Joker Juncker.  Stanno crescendo un po’ di robette che vogliamo proprio vedere chi farà il tonno che si pappa le sardine. C’è il pachiderma bancario legato all’euro. Il Mes, il fondo salva stati, ancora poco chiaro, che s’insidia nell’unificazione bancaria necessaria, in un tratto di strada di sofferenza degli istituti di credito tedeschi. Una banca centrale orfana di Draghi, sostituito dalla francese Lagarde, leggermente sottotono e incline ai completini blu oxford. 

Tedeschi e francesi, mai d’accordo su niente,  hanno sottoscritto due paginette due per chiedere una conferenza che cambi le regole europee. L’agenda italiana intravede la soluzione delle crisi industriali di casa non scartando l’idea di un maxi carrozzone statale che veda e provveda. Praticamente i motivi inversi, che su impulso delle regole di Bruxelles, imposero di smantellare la maxi spa dell’Iri. In mezzo siederà il commissario Gentiloni, aristocratico di casata, e amante dei completi color grigio topo.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Opinioni