Meteo
 


Spettacoli

“Mangiafoco” raccontato da Latini

Mangiafoco Roberto Latini

MILANO Dopo “Il teatro comico” di Carlo Goldoni, Roberto Latini torna oggi a firmare una regia per il Piccolo Teatro. Lo fa, da stasera al 22 dicembre, allo Studio Melato con il suo “Mangiafoco” di cui è autore e regista, oltre che interprete assieme a Elena Bucci, Marco Manchisi, Savino Paparella, Stella Piccioni, Marco Sgrosso e Marco Vergani. Qui Latini sceglie di Collodi e della sua opera più famosa, che definisce un “manuale di italianità”, i capitoli in cui Pinocchio, incuriosito dal Gran Teatro dei Burattini, vende l’abbecedario che tanti sacrifici era costato a Geppetto, per comprare il biglietto ed entrare a vedere lo spettacolo.
«Nel momento in cui Pinocchio fa la sua comparsa nel teatrino – ha confessato Latini – in palcoscenico Arlecchino e Pulcinella stanno bisticciando, come prevede la tradizione. Riconosciuto il loro “simile”, sospendono la recita per fargli festa, suscitando i malumori del pubblico. Ecco ciò che mi interessa, come punto di partenza, la situazione intorno alla quale vorrei stare: l’interrompersi di uno spettacolo e le sue reazioni, attraverso la fondamentale riflessione sull’attore, marionetta e burattinaio».

Il celebre racconto di Collodi prosegue poi con l’arrivo di Mangiafoco, le minacce di gettare ora uno ora l’altro burattino tra le fiamme fino al definitivo “perdono” di Pinocchio al quale regala addirittura cinque monete d’oro che il nostro eroe si farà soffiare dal Gatto e dalla Volpe (Info: piccoloteatro.org).

 

 

ANTONIO GARBISA

Spettacoli