Meteo
 


Fatti&Storie

Scattano gli aiuti per orfani dei femminicidi

femminicidi

ROMA Oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Uniti nel 1999. E proprio alla vigilia è arrivato l’annuncio del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, sul fatto che è pronto il decreto ministeriale per il fondo per gli orfani di femminicidio. «I soldi non restituiscono l’affetto mancato - ha sottolineato il ministro - ma con 12 milioni da oggi finanzieremo borse di studio, spese mediche, formazione e inserimento al lavoro». Un annuncio apprezzato da tutte le forze politiche, con il viatico della ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti: «Bravo Gualtieri - ha commentato in riferimento all’atteso stanziamento - che ha mantenuto l’impegno assunto da subito dal nostro governo di rimediare ad un ritardo non più procrastinabile. I dati sono preoccupanti e ci impongono di assicurare il massimo sostegno alle donne vittime di violenza. La gravità del fenomeno chiede un’assunzione di responsabilità collettiva».

Il bilancio si aggrava

Sabato a Roma decine di migliaia di donne avevano partecipato al corteo organizzato, per il quarto anno consecutivo, dal movimento femminista “Non una di meno”. Lo stesso giorno si era aggravato il bollettino delle vittime della violenza di genere: 95 donne assassinate in Italia dall’inizio dell’anno, con una media di una vittima ogni tre giorni, come ha certificato una ricerca di Eures ribadendo che la quasi totalità dei delitti vengono commessi in ambito familiare o in relazioni di coppia.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie