Meteo
 


Fatti&Storie

Nasce il fondo ForestaMI Una città a misura d'albero

MILANO Giornata milanese, ieri, per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, tra incontro con la giunta, partecipazione al convegno “Asset - intelligence per le imprese”, visita al Binario 21 con Liliana Segre, e, alla Triennale, inaugurazione del “World Forum on Urban Forests Milano Calling 2019”. Conte ha definito Milano «un punto di riferimento a livello nazionale, dobbiamo essere orgogliosi tutti delle sue performance». Sala ha risposto: «Milano è in grado e ha volontà di restituire (vedi la polemica col ministro del Sud, che aveva accusato Milano di assorbire risorse e di non restituirle, ndr). Ma ci devono essere le condizioni». Tra le condizioni c'è «il problema delle partecipate, che con le regole attuali non possono lavorare al di fuori del perimetro di servizio a Milano per più del 20%. L’assurdo è che abbiamo dovuto trovare lavoro a Copenaghen...».

Alla Triennale, nel Giorno degli Alberi, ne è stato piantumato uno. Sala ha colto l’occasione per annunciare la nascita del Fondo ForestaMI: «L'obiettivo è piantare in tutta Milano e nell'area metropolitana un totale di 3 milioni di nuovi alberi entro il 2030», sarà operativo nelle prossime settimane.  Nasce su iniziativa di Comune, Città Metropolitana di Milano e Regione, aperto ai contributi di cittadini e aziende (tra le prime a farsi avanti, Enel e Snam e Fondazione Cariplo).  Responsabile scientifico l’architetto Stefano Boeri, quello del “Bosco verticale”, che definisce «necessario e urgente» portare «ovunque la natura vivente». Nel 2018 sono già stati piantati 85.000 nella Città Metropolitana: saranno 200 mila in primavera.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie