Meteo
 


Fatti&Storie

Roma, a Capodanno la festa per la Terra

Roma

ROMA Mille artisti e ventiquattro ore di festa, con il momento clou al Circo Massimo dove si esibirà Skin da mezzanotte alle tre del mattino. Il tutto accessibile gratuitamente.

È il programma del Capodanno 2020 di Roma dedicato, quest’anno, alla terra e alla relazione fra uomo e natura. La kermesse è stata presentata ieri dalla sindaca Virginia Raggi in una conferenza stampa ai Musei Capitolini. «La cantante degli Skunk Anansie animerà tre ore di dj set al Circo Massimo», ha precisato Raggi. La festa di Roma 2020 è pensata come «un’ode alla straordinaria bellezza, vitalità e grandiosità della natura - ha spiegato il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Bergamo -. Sarà una festa pensata come un viaggio all’interno degli ecosistemi terrestri e delle loro biodiversità, interpretato poeticamente nella giornata del primo gennaio come un percorso attraverso cinque ambienti immersivi dentro e intorno al pianeta, una Terra senza confini e senza barriere, che fa della diversità il suo valore».

Il Capodanno romano inizierà la sera del 31 dicembre e terminerà la sera del primo gennaio, quindi 24 ore di festeggiamenti che vogliono richiamare, nel ciclo di una giornata, la rotazione del nostro pianeta. I cinque ecosistemi si snoderanno lungo l’area a disposizione della festa, da piazza dell’Emporio a ponte Fabricio, dal giardino degli Aranci a piazza Bocca delle Verità.
Ad aprire la serata ci sarà Ascanio Celestini, che intratterrà il pubblico raccontando la favola inedita scritta appositamente sul tema della terra. Con lui sul palcoscenico ci sarà la musica della “Rustica x band” diretta da Pasquale Innarella: una banda di bambini e adolescenti nata all’interno del centro diurno della cooperativa sociale onlus “Nuove Risposte” allo scopo di prevenire il disagio giovanile nella periferia romana.

Articoli Correlati
Fatti&Storie