Meteo
 


Fatti&Storie

«Le mani della Regione sul Tpl e sull'Atm»

Lombardia/Trasporti

REGIONE Il sindaco Sala e l’assessore Granelli hanno reagito con veemenza all’approvazione, in Commissione Trasporti regionale, di un  emendamento della Lega al Progetto di Legge sulla Semplificazione. Non si sa se il provvedimento passerà all’esame dell’aula, la prossima settimana, ma la posta in gioco è alta. Spiega il capogruppo leghista Andrea Monti che, «per impedire che si ripeta nuovamente quanto accaduto con l'introduzione del biglietto unico integrato, dove la fretta e le esigenze di bilancio del Sindaco Sala hanno prevalso sull'interesse comune», con l’emendamento «allarghiamo la governance, coinvolgendo maggiormente tutti i soggetti interessati, al fine di creare un processo decisionale all'interno delle agenzie per il trasporto». Insomma, le agenzie Tpl di bacino verrebbero maggiormente «legate ai territori», il che significa, dicono le opposizioni, che Milano e la Città metropolitana finirebbero in minoranza nella loro stessa agenzia di bacino. Insorge il Pd lombardo, il M5S parla di «emendamento scritto con i piedi» che andrà «a impattare pesantamente sulla composizione delle agenzie di Tpl in cattive acque». La risposta di Granelli, dal Comune: «La Lega vuole mettere le mani su Milano e sul trasporto pubblico, lanciare un’Opa su Atm quando si sta aprendo la gara», accaparrarsi «la maggioranza e dimezzare il ruolo di Milano e della Città Metropolitana». Sala più serafico: «È solo un primo voto. Spero che sia un incidente di percorso. Ne parlerò con Fontana».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie