Meteo
 


Fatti&Storie

Festino in Statale Indaga la procura

Milano/Università

CENTRO Non è bastata, giovedì scorso, la misura precauzionale di fissare la chiusura dell’università alle 16. Il festino abusivo di Halloween c’è stato lo stesso, con la sporcizia che questa “ragazzata” comporta. La notizia è che stavoltail rettore non ci sta. Elio Franzini, che già domenica aveva pubblicato sul sito le immagini del degrado e una sua lettera aperta, ieri ha annunciato che avrebbe sporto denuncia. E la procura della Repubblica si è messa al lavoro, aprendo un fascicolo  con le ipotesi di “violazione delle norme di sicurezza” e “invasione di edificio pubblico”. Ieri Franzini, che ha puntato il dito contro le feste abusive «organizzate da esterni, che chiedono anche una tariffa di ingresso», ha detto: «Sappiamo chi ha organizzato la festa abusiva. Oggi stesso parte la denuncia contro ignoti perché non siamo pubblici ufficiali e non spetta a noi identificare queste persone». Alle 16 di giovedì, ricorda, «avevamo chiuso l’università, ma ci è stato impedito da alcuni che si sono messi sul portoncino di ingresso. Alle 18 sono entrati alimenti a alcol». L’università, continua, « l'Universita' chiede di non essere lasciata sola fra due alternative: stare in silenzio o fare entrare la polizia in assetto da combattimento».

Gli organizzatori: «Nessun danno»
Gli organizzatori dello “University Halloween Night vol. 4”, il collettivo Dillinger Unimi e Lume, Laboratorio universitario metropolitano, hanno risposto con una lettera aperta a Franzini. Sostengono di aver già organizzato l’evento («particolarmente amato e atteso») sotto il rettorato di Franzini, «senza rimostranze». Si è trattato di un party «pacifico», dopo il quale hanno «parzialmente ripulito». La dirigenza voleva porre un divieto, ma «noi non lo abbiamo permesso. Non cediamo alla repressione».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie