Meteo
 


Sport

La Roma in paradiso con Zaniolo e Pastore

As Roma

Si può parlare di un piccolo miracolo Roma? Solo a patto di non montarsi la testa e rovinare tutto come da queste parti è già successo. Una Roma massacrata dai gravi infortuni che hanno lasciato a lungo Fonseca con gli uomini contati e poca possibilità di sviluppare il suo gioco sembra invece essersi compattata e aver trovato chissà dove l’energia e la qualità per inanellare una serie di prestazioni brillanti e vittorie importanti. E ci sono uomini chiave che si sono ritrovati e stanno facendo la differenza. Non è il caso di parlare di Dzeko, sempre leader quest’anno (e che con il Napoli si è segnalato anche per aver chiesto allo stadio di contrastare i cori contro i napoletani costati intanto un minuto di sospensione). Poi c’è Zaniolo, che ha segnato sempre da quando Capello lo ha criticato in televisione. La perla del primo gol con il Napoli ha messo la Roma sulla strada di un insperato piazzamento Champions. La mamma del giovane talento ha tenuto a ringraziare i tifosi del Napoli per i sinceri apprezzamenti rivolti a Zaniolo, «in un momento in cui tali gesti sono rari nel calcio». E poi c’è Javier Pastore, che dopo più di un anno di feroci critiche legate a un rendimento oggettivamente evanescente, ora si è ripreso fisicamente e ha ottenuto dall’Olimpico una standing ovation: «Ora che sto bene posso fare cose che prima non mi riuscivano». Con loro la Roma pensa alla sfida cruciale di giovedì con il Borussia, dopo il rigore beffa dell’Olimpico.

Osvaldo Baldacci

Articoli Correlati
Sport