Meteo
 


Sport

La Lazio espugna San Siro con Immobile e Correa

Calcio

Terza vittoria consecutiva della Lazio in campionato, e sesto risultato utile (curiosamente, stesso identico cammino dei cugini giallorossi che hanno un solo punto in classifica in più). Lazio quarta in classifica a 21 punti insieme ad Atalanta e Cagliari. Per il Milan di Pioli invece sono guai, fermo a 13 punti con il rischio di doversi guardare alle spalle se non si sbriga ad invertire la sequenza dei risultati. A onor del vero l’ex Pioli accusa assenze pesanti, deve rinunciare a Suso e ripropone Bennacer, con Krunic titolare per la prima volta da quando è in rossonero.
La Lazio dopo 30 anni sfata il tabù San Siro e si impone 2-1 sul Milan. Partita accesa con diverse occasioni da gol e qualche errore che avrebbe potuto finire per portare a un tabellino ancora più ricco. Biancocelesti in vantaggio con Immobile al 25’ del primo tempo, che dopo aver colpito una traversa segna la sua 100esima rete con la maglia della Lazio. Cross di Lazzari dalla destra, Immobile sorprende Duarte e di testa infila Donnarumma sul secondo palo. È il tredicesimo gol per lui in questo campionato in 11 partite, confermandosi capocannoniere della Serie A. 
I rossoneri comunque al 29' pareggiano con un autogol di Bastos. Sul cross di Theo Hernandez dalla sinistra, Piatek allunga il piede facendo carambolare il pallone sul petto del difensore della Lazio che spiazza Strakosha. 
Continuano a fioccare occasioni ed errori, e i portieri risultano molto impegnati e spesso decisivi, anche se non immuni da qualche colpa. Ma alla fine all’83’ da un errore milanista a centrocampo arriva il gol vittoria per la Lazio firmato da Correa che si infila in area solo davanti a Donnarumma sfruttando un perfetto passaggio no-look di Luis Alberto. Vano l’assalto finale del Milan. In tribuna esulta il presidente Lotito che era tornato allo stadio in trasferta dopo quasi un anno. Nessuna festa invece per la squadra rossonera che anzi vede riaffacciarsi lo spettro della crisi che non è stata risolta con l’esonero di Giampaolo. Intanto il gol di mmobile è un altro messaggio al ct Mancini. 

Articoli Correlati
Sport