Meteo
 


Fatti&Storie

Tra Fca e Peugeot fusione quasi fatta

Auto

La fusione tra Fca e Peugeot potrebbe essere annunciata già domani. Il consiglio di sorveglianza di Peugeot ha già detto di sì, mentre quello di Fca è chiamato a fare lo stesso in serata. A pochi mesi dal fallimento del matrimonio con Renault, il Lingotto guarda ancora a Parigi nella ricerca di un alleato con cui affrontare le grandi sfide che il settore automobilistico ha davanti, creando un gruppo da 50 miliardi di capitalizzazione. A guidarlo operativamente sarà con ogni probabilità Carlos Tavares, oggi al volante dell'azienda d'oltralpe e fautore del riavvicinamento e del l'accelerazione di queste ore, con John Elkann come presidente e le due case automobilistiche riunite sotto il cappello di una società olandese.

Numeri. I due gruppi sono venuti ufficialmente allo scoperto stamattina, dopo le indiscrezioni di ieri, e per domani,  prima dell'apertura dei mercati, è attesa la comunicazione ufficiale di un negoziato in esclusiva. La conferma di una trattativa alle battute finali e di un possibile matrimonio alle porte ha subito infiammato i titoli delle società coinvolte sulle borse di Milano e di Parigi: a Piazza Affari il Lingotto è balzato del 9,53% con volumi elevatissimi, riportandosi vicino ai 13 euro e trascinando con sé la holding della famiglia Agnelli, Exor (+4,6%). Sul Cac40 Psa è salita del 4,53%. Se si guarda ai numeri, lo scorso anno Psa ha realizzato un fatturato di 74 miliardi di euro, mentre Fca ha raggiunto quota 110 miliardi e insieme le due case vendono nel mondo 8,7 milioni di auto, numero che collocherebbe il nuovo gruppo al quarto posto dopo Volkswagen, che vende 10,8 milioni di auto, Nissan-Mitsubishi e Toyota. Verrebbe superata invece General Motors che immatricola 8,4 milioni di veicoli. Al tempo stesso però il nuovo gruppo avrebbe una forte esposizione in Europa, con una quota del 24%. Fca potrebbe giovare delle moderne piattaforma di Peugeot per aumentare i margini, ma è immaginabile, come ipotizzano diversi analisti, che ci siano sinergie di costo. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie