Meteo
 


Fatti&Storie

Piemonte piegato dai nubifragi

TORINO

TORINO Triste bilancio, quello del maltempo che  ha messo in ginocchio il Piemonte. Due le vittime dei nubifragi: potrebbe essere infatti dovuta all’asfalto viscido la morte di un pensionato di 80 anni che ha perso la vita ieri mattina lungo la provinciale 81 nel territorio di Strambino, nel Torinese. Era in auto con la moglie quando sono finiti nei prati e il mezzo si è ribaltato. Per l’uomo non c’è stato nulla da fare, la moglie, 76 anni, è stata soccorsa e trasportata all’ospedale di Ivrea.

Nell’Alessandrino, a Capriata d’Orba, ha perso la vita un uomo di 52 anni. Stava guidando un’auto a noleggio ed è stato travolto da un rio di fango: «C’è acqua dappertutto» sono state le sue ultime parole al telefono con l’azienda. Con lui c’era anche un passeggero che è riuscito a salvarsi aggrappandosi ad alcuni rami.

Si dovrà ancora aspettare qualche giorno, invece, per la stima dei danni tra strade interrotte, frane, esondazioni e allagamenti di strutture considerando che in alcune zone del basso Alessandrino sono caduti in 24 ore o poco più fino a 540 millimetri di pioggia, come a Gavi. «Quando conteremo i danni, oltre a far piangere il cuore, non possiamo lasciare soli sindaci e privati, abbiamo bisogno che lo Stato ci sia», ha detto il governatore Alberto Cirio chiedendo lo stato di calamità naturale.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati
Fatti&Storie