Meteo
 


Fatti&Storie

Salvini: "Qui Italia vera" Ai gazebo code contro Raggi

centrodestra

"Questa piazza incredibile non è qua solo per Matteo, Giorgia e Silvio. Qua oggi c'è l'italia vera. Sarà un pomeriggio non di rabbia e violenza. Qua c'è l'Italia che lavora, che soffre, che sogna, che spera"‎. Così Matteo Salvini aprendo la manifestazione di piazza San Giovanni. 

Piazza. Circa 50 mila, secondo fonti di polizia, le persone presenti in piazza San Giovanni per la manifestazione indetta dalla Lega. Ma i numeri sono destinati a crescere: la gente continua ad arrivare e, secondo quanto si apprende, sono attese ancora tante persone. L'area è presidiata dalle forze dell'ordine: centinaia di agenti della polizia e carabinieri in tenuta antisommossa. All'esterno della piazza sono presenti blindati a ambulanze del 118. 

Firme contro Raggi. ‎Code ai gazebo in piazza San Giovanni allestiti dai tre partiti di centrodestra per firmare - per iniziativa di FdI e Lega - a sostegno dell'elezione diretta del presidente della Repubblica, e - per iniziativa di FI e Lega - per le dimissioni di Virginia Raggi.     Tra le bandiere di partito e quelle autonomiste regionali, diversi gli striscioni contro i leader di Pd e M5S: 'Dio perdonami... ho votato due volte i 5 stelle' e' il cartello portato di Antonio, pensionato di Salerno, che dice di sentirsi "tradito" da M5s per l'alleanza con il Pd. 'Ladri di matite' e' lo striscione della Lega Castelli Romani, ‎che raffigura Giuseppe Conte e Matteo Renzi vestiti da Banda Bassotti. "Ladri di matite perche' non ci fanno votare", si spiega. In un altro striscione, della Lega di Bari, Conte, Renzi, Beppe Grillo, Di Maio e Zingaretti vengono ritratti come pagliacci.     Colonna sonora rigorosamente di musica italiana mentre in ‎fondo alla piazza, via Carlo Felice e' piena di furgoni-vela con i cartelloni 'Raggi dimettiti'.

"Si dimetta Salvini". “Salvini? Io credo che se potessero rispondere alcuni psicologi direbbero che probabilmente è ossessionato“. La Sindaca di Roma Virginia raggi replica a Salvini dalla trasmissione "Da noi... a ruota libera“ condotta da Francesca Fialdini, su RaiUno. "Quando sento Salvini parlare di dimissioni - insiste la Raggi - le rispedirei al mittente: ‘dimettiti tu’. Poi penso anche ‘dimettersi da cosa?’ Perché è una persona che, per quanto mi riguarda, non ha mai lavorato, in 26 anni ha cambiato poltrone. Un gran chiacchierone, pochi fatti”. Nel corso dell’intervista, che andrà in onda in forma integrale domani, Virginia Raggi nega l’eventualità di un’alleanza a Roma tra Pd e M5s. Mentre rilancia sul Premier: “ho tifato molto perché nascesse il Governo Conte due. Io conosco Giuseppe Conte, è una persona eccezionale, di grandi valori e grandi principi, molto molto determinato quindi non posso che fargli i migliori in bocca al lupo. Sta facendo un lavoro enorme”. Quanto alla possibilità di un secondo mandato la Sindaca risponde: “Non mi appassiona il tema delle poltrone, mi appassiona molto invece il lavoro, quello che sto facendo…si va avanti!”.

Fatti&Storie