Meteo
 


Spettacoli

«Yuli, un gran ballerino che voleva essere calciatore»

Cinema/Yuli - Danza e LIbertà

ROMA È andato sino all'Avana per  vedere le prove di Carlos Acosta con la sua giovane compagnia e lì è  rimasto due settimane: «Visti da vicino mi hanno strabiliato. Davanti ai miei occhi si muovevano danzatori tra i migliori del mondo, e la loro collaborazione con Carlos aveva qualcosa di davvero speciale. Così ho pensato che potevo raccontare la sua vita, Cuba  e un po' di storia attraverso la danza e non certo attraverso un biopic tradizionale». 

Così racconta Paul Laverty, storico sceneggiatore di Ken Loach, che si è avvicinato alla danza di Carlos Acosta, considerato uno dei più grandi ballerini del mondo, per la prima volta raccontato in un film dalla regista  Icíar Bollaín  e da lui stesso.

Yuli - danza e Libertà”,  dal 17 ottobre sarà in sala e Laverty, arrivato a Roma per presentarlo, giura di  non aver voluto «finti passi o attori che impazziscono per imparare qualche movimento in poche settimane, come in questo genere di film. Volevo catturare la maestosità della danza dal vero, in tutta la sua bellezza, fatica e disciplina».

Del resto si trattava di raccontare la storia non di un ballerino per vocazione ma di un ragazzino che non voleva danzare: «Voleva fare il calciatore, odiava la danza ma suo padre capì da subito che aveva un talento straordinario e che l'Accademia di danza a Cuba avrebbe potuto aiutarlo anche ad uscire dalla povertà. Senza la determinazione del padre  che lo riportava lì ogni volta che lui fuggiva, nulla sarebbe accaduto».

SILVIA DI PAOLA

Spettacoli