Meteo
 


Fatti&Storie

Assalto alla Sinagoga Germania sotto choc

Germania

Un attacco in piena regola, compiuta da uomini vestiti con la mimetica, elmetto e mascherina, dotati di armi automatiche. Due morti, vicino alla sinagoga di Halle, in Sassonia-Anhalt, delle granate lanciate dentro il cimitero ebraico, almeno due feriti gravi. Un "tedesco bianco" tratto in arresto, secondo la Frankfurter Allgemeine Zeitung. E un'ulteriore sparatoria a Landsberg, una località a una quindicina di chilometri ad est dalla città sassone.    La Germania è sotto choc  per un assalto senza precedenti, compiuto con caratteristiche militari nel giorno in cui cade la festività ebraica del Yom Kippur (il giorno dell'espiazione). La Procura federale di Karlsruhe ha annunciato di aver aperto un'indagine per terrorismo, avvertendo che la vicenda "riguarda la sicurezza interna di tutta la Germania", sul posto si sono recate le unità speciali. Mentre la polizia ha invitato tutta la popolazione sia ad Halle che a Landsberg "di rimanere nelle loro case", due dei sospetti - in realtà non c'è ancora chiarezza definitiva sul loro numero - si sono appropriati di un'auto per fuggire in direzione di Monaco di Baviera. Le forze dell'ordine hanno annunciato di aver tratto in arresto una persona, ma l'allarme rimane ai massimi livelli. Mentre la sinagoga di Halle è stata blindata dalle forze dell'ordine (nessuno può né entrare né uscire), le misure di sicurezza sono state rafforzate anche nei pressi delle sinagoghe di Lipsia, di Dresda. 

L'attacco. E' tutto iniziato intorno a mezzogiorno, quando sono stati segnalati spari nel quartiere Paulus, che si trova nella città vecchia di Halle. Un primo tweet la polizia parlava di "più attentatori", anche se alcune testimonianze sembravano far pensare all'azione di un uomo solo. La dinamica ancora non è affatto chiara. Di certo è che, come riferito anche da testimoni oculari, un uomo è stato ucciso in una piccolo ristorantino di kebab, una donna invece è caduta sotto i colpi dei killer nella Humboldtstrasse, sulla stessa via nella quale si trova la sinagoga, a non più di 600 metri di distanza.  I sospetti hanno lanciato una granata dentro il cimitero ebraico, e un piccolo ordigno sarebbe esploso alla tavola calda di kebab. Due feriti gravi stati ricoverati in ospedale per essere operati d'urgenza. La stazione centrale di Halle è stata completamente chiusa e blindata, come comunicato dalle ferrovie tedesche. Anche il trasporto pubblico locale è stato fermato fino a nuovo ordine.

Articoli Correlati
Fatti&Storie