Sport

Inter-Juventus 1-2 La Signora torna in vetta

Calcio

CALCIO Ancora Higuan a San Siro. Decisivo. Contro l’Inter. Come già nell’aprile 2018, quando un suo colpo di testa decise la sfida e la lotta scudetto con il Napoli. Ieri sera, arrivando dalla panchina, il Pipita ha sfruttato al meglio un assist di Bentancur e cesellato da par suo un’azione tra le più belle della partita: palla dritta per dritta di Pjanic, un paio di tocchi di Ronaldo e dell’uruguaiano, stoccata vincente. Vince la Signora, allora: 2-1, testa della classifica conquistata e tanti saluti ai pessimisti. 
Match durissimo, come era logico che fosse. Parte meglio la Juventus, ma l’Inter non arretra di un centimetro. Sarri sceglie Bernardeschi e Dybala al posto di Ramsey e Higuain, Conte non regala sorprese. 
L’aria che tira
La Joya fa subito capire che aria tira: sinistro ai mille all’ora, appena entrato dentro l’area di rigore nerazzurra dopo l’ormai consueto lancio in verticale di Pjanic. Primo gol stagionale per lui, la “maschera” esibita come ai bei tempi: la Juventus potrebbe anche raddoppiare di lì a poco, ma la traversa dice no a Ronaldo. E allora arriva il tempo del pareggio dei padroni di casa: De Ligt colpisce con un gomito un cross dalla destra, Martinez batte Szczesny dal dischetto. Tutto giusto, partita più che godibile. E gol poi annullato a CR7, a casa di un fuorigioco di Dybala che gli aveva regalato un assist da applausi. Primo tempo scoppiettante, allora. E prima parte della ripresa quasi dominata dai campioni d’Italia, i quali vanno anche vicini al raddoppio. Forse ingolosito, Sarri spedisce in campo Higuain al fianco di Ronaldo, arretrando Dybala nel ruolo di trequartista: dura poco, però, perché gli equilibri saltano e l’Inter si rianima. Palo esterno di Vecino, quindi dentro Emre Can e la Joya a fare la doccia. Infine, l’azione decisiva: 24 tocchi per arrivare in porta e tornare a casa con i tre punti. Ancora una volta.

DOMENICO LATAGLIATA 

Articoli Correlati
Sport