Spettacoli

Ecco “Le verità” di Deneuve e Binoche

Cinema/Le verità

ROMA Lei lo ammette a voce alta: «Ho preferito essere una pessima madre ma un'ottima attrice. Se mia figlia non mi perdona , mi perdonerà il pubblico». L'attrice che recita è interpretata da Catherine Deneuve che mette in questo ruolo tutta se stessa e fa un ritratto narcisistico perfetto ne “Le verità” del giapponese Hirokazu Kore’eda, da oggi in sala.

Tratto da una pièce, il film è la fotografia di una lotta tra una madre, la diva del cinema con la faccia della Deneuve, e una figlia (Juliette Binoche) in fuga, l'una contro l'altra armata.

Schema tradizionale in cui però ogni spettatore può precipitare con se stesso perché chi non si è chiesto (e più di una volta) se in una famiglia sono lecite le bugie e se le verità a volte sono più pericolose delle bugie? Il regista avverte: «Il mio film procede tra magia e bugia».

SILVIA DI PAOLA

Spettacoli