Meteo
 


Fatti&Storie

Reddito a ex brigatista infuria la protesta

reddito di cittadinanza

La Lega diserta i lavori in Aula e nelle commissioni parlamentari in segno di protesta in merito al caso del reddito di cittadinanza all'ex brigatista Federica Saraceni. Come annunciato ieri, i parlamentari leghisti non hanno intenzione di partecipare ai lavori fino a quando il governo non fornirà chiarimenti. Alla Camera, i deputati ex lumbard affollano il Translatlantico e il cortile d'onore mentre, in Aula, è stato l'esponente di Forza Italia Pierantonio Zanettin a sollevare la questione, evidenziando la contraddizione dell'atteggiamento della Lega. Quando era in maggioranza, ha accusato Zanettin, il partito di via Bellerio bocciò tutti gli emendamenti alla legge che introdusse il reddito, che miravano a escludere dalla misura determinate categorie, tra cui gli ex brigatisti.  

Reddito. Forza Italia e FdI chiedono che il governo riferisca in Aula sull'assegnazione del reddito di cittadinanza all'ex brigatista Saraceni. A difesa della misura si è schierato, e per questo contestato da FdI, Nicola Fratoianni: "Si tratta di capire qual è la concezione della giustizia nel nostro Paese, ovvero discutere se la punizione, rispetto a una colpa per cui si è stati condannati, debba essere mirata alla rieducazione e al reintegro nella società. Tra le pene accessorie non è prevista l'indigenza o la povertà", ricorda il parlamentare".

Articoli Correlati
Fatti&Storie
Bonus partite Iva