Fatti&Storie

Giù dall'ottavo piano con la bimba di 2 anni

Milano

Si è buttata nella tromba delle scale con la figlia, forse temendo che gliela portassero via. Potrebbe esserci questa paura, secondo le prime indiscrezioni,  tra le ragioni della tragedia di ieri pomeriggio quando una donna di 43 anni con la sua bambina di due anni è precipitata dall'ottavo piano nella tromba delle scale di un palazzo di viale Regina Margherita, in centro.
    La donna è morta, mentre la piccola è stata trasportata in ospedale in condizioni gravissime. La tragedia è avvenuta ieri poco prima delle 15. La bambina ha riportato fratture al bacino, lesioni alla milza e contusioni polmonari,  si trova in prognosi riservata e sarà operata.
Stando alle prime verifiche degli inquirenti  la donna avrebbe lasciato un messaggio d'addio sui social. Sembra che temesse che le potessero  togliere la bambina per affidarla ad altri. Si parla di una situazione familiare difficile, tanto che sarebbe già stata in contatto con gli assistenti sociali.

Al suo arrivo davanti all'edificio signorile da cui è precipitata, si è rivolta alla portinaia chiedendo di un ufficio legale che si trova a piano terra, forse un pretesto per poter entrare. La 43enne infatti non si è diretta verso lo studio ma è salita all'ottavo piano da dove si è gettata con la figlia.

 

Articoli Correlati
Fatti&Storie