Fatti&Storie

Renzi, a metà ottobre confronto tv con Salvini

la scissione pd

"Mi fa piacere che Salvini abbia accettato la proposta di confronto lanciata a Porta a Porta. Tra il 15 e il 17 ottobre, su Rai1, finalmente ci confronteremo con l’omonino. Sarà divertente". Lo scrive nella Enews Matteo Renzi, a proposito di un confronto tv con Matteo Salvini che secondo Renzi "tra un mojito e una cubista ha fatto quello che ha fatto. Il ragazzo ci ha messo del suo: un mojito in meno - ribadisce - e non succedeva niente".

Gruppo alla Camera. Con 25 deputati nasce anche alla Camera il gruppo parlamentare di Italia Viva. Stando a quanto si apprende, ad aderire sono gli onorevoli: Lucia Annibali, Sara Moretto, Mauro Del Barba, Luigi Marattin, Mattia Mor, Camillo D'Alessandro, Gennaro Migliore, Vito De Filippo, Ivan Scalfarotto. Luciano Nobili, Matteo Colaninno, Lisa Noja, Silvia Fregolent, Gianfranco Librandi, Michele Anzaldi, Massimo Ungaro, Raffella Paita, Marco Di Maio, Maria Elena Boschi, Ettore Rosato, Nicola Carè, Gabriele Toccafondi, Cosimo Ferri, Roberto Giachetti, Maria Chiara Gadda.

Gruppo al Senato. Avrà quindici componenti il gruppo 'Partito socialista - Italia viva' del Senato, dove confluiranno i tredici usciti dal Partito democratico e anche l'ex forzista Daniela Conzatti. Grazie al via libera di Riccardo Nencini (fino ad oggi nel Misto), la nuova formazione voluta da Matteo Renzi avrà a Palazzo Madama un gruppo autonomo. Con l'intesa siglata si supera il divieto previsto dal Regolamento di creare nuove formazioni sotto un simbolo che non era presente alle ultime elezioni politiche. Nencini c'era.    Psi-Italia viva sarà il sesto gruppo più numeroso del Senato dietro al Movimento 5 stelle (che conta 107 rappresentanti), Forza Italia (61), Lega (58), Partito democratico (che da 50 senatori scende a 37) e Fratelli d’Italia (18). Gli altri due schiarmenti presenti in Senato sono quelli del Misto (con 16 senatori) e il gruppo per le Autonomie, con 8.    Del gruppo insieme a Matteo Renzi faranno dunque parte: Teresa Bellanova (ministro delle Politiche agricole), Francesco Bonifazi, Eugenio Comincini, Donatella Conzatti, Giuseppe Cucca, Davide Faraone, Laura Garavini, Nadia Ginetti, Leonardo Grimani, Ernesto Magorno, Mauro Marini, Riccardo Nencini, Daniela Sbrollini e Valeria Sudano.

Scissione nei sondaggi. Effetto scissione per il Pd: la Supermedia elaborata da YouTrend per Agi mostra una flessione dem di un punto e mezzo, al 21,1%. Finora solo una parte degli istituti di sondaggio ha incluso Italia viva nelle proprie rilevazioni e non è quindi possibile fornire un'indicazione precisa, ma, dalle primissime stime, si può calcolare un consenso per il partito di Renzi intorno a 3 punti percentuali.    Quanto agli altri partiti, la Supermedia rileva flessioni abbastanza generalizzate. La Lega resta primo partito al 32,1% (-0,2 punti), M5s è al terzo posto dopo il Pd al 20,2% (-0,4), FdI al 7,2% (-0,2), +Europa al 2,9% (-0,3), Verdi all'1,6% (-0,2). Fanno eccezione Forza Italia al 6,7% (+0,1) e La Sinistra, invariata al 2,6%.

Articoli Correlati
Fatti&Storie