Fatti&Storie

Il governo Conte bis parte con l’ambiente

GOVERNO

ROMA Parte dal contrasto dei cambiamenti climatici e dalla promozione dell’economia verde il primo atto del nuovo governo. Una scelta voluta per caratterizzare la svolta. Così nel Consiglio dei ministri di oggi dovrebbe approdare - seppure con qualche stralcio - la bozza del dl predisposto dal ministro Sergio Costa, che spiega: «Questo atto normativo servirà a mettere l’ambiente al centro dell’azione dell’esecutivo». Tra le misure annunciate: un bonus di 2.000 euro per chi rottama l’auto (fino alla classe Euro 4) nelle grandi città, che potrà essere usato in cinque anni dalla famiglia per acquistare abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale o servizi di sharing mobility con veicoli a zero emissioni.

Tagli ai sussidi dannosi

Dal 2020, invece, dovrebbe iniziare il taglio delle «spese fiscali dannose per l’ambiente» , ovvero sussidi come quelli previsti per il gasolio dell’autotrasporto, dove è facile prevedere una violenta levata di scudi. Dovranno diminuire del 10% annuo sino al loro annullamento entro il 2040. Il ricavato andrà a finanziare la diffusione e innovazione delle tecnologie e dei prodotti a basso contenuto di carbonio e modelli di produzione e consumo sostenibili. Quanto a questi ultimi, è previsto un bonus che si trasformerà in uno sconto del 20% sui prodotti sfusi e alla spina per ridurre la produzione di imballaggi per i beni alimentari e prodotti detergenti. Il dl Clima prevede inoltre un fondo di 15 milioni di euro per un programma di rimboschimento delle città metropolitane e la trasformazione dei parchi nazionali in “zone economiche speciali” con finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese del territorio.

Confronto con i sindacati

«Remiamo insieme per il bene del Paese», è stato intanto l’appello lanciato dal premier Conte nell’incontro con i leader di Cgil, Cisl e Uil. Le priorità per Palazzo Chigi sono una «sostanziosa riduzione» della pressione fiscale sul lavoro, la lotta all’evasione fiscale, una nuova agenda di investimenti verdi e misure per rilanciare il Sud. Particolare attenzione al tema della sicurezza sul lavoro.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie