Fatti&Storie

Misiani: "Basta Imu e Tasi tassa unica sulla casa"

manovra

ROMA «C’è un confronto appena avviato sulla costruzione della legge di bilancio 2020 e le priorità del governo sono note: bloccare l’aumento dell’Iva e costruire un significativo intervento di riduzione del cuneo fiscale, oltre ad interventi per quanto riguarda l’imposizione fiscale sulle imprese e per le partite Iva». Così il viceministro dell’Economia, Antonio Misiani, ha iniziato a mettere sul piatto i primi ingredienti della manovra. Con qualche accenno più concreto, come il possibile anticipo al 100% della deducibilità Imu sui capannoni e l’unificazione tra Imu e Tasi. «C’è stata una moltiplicazione a dismisura, non solo di aliquote ma di esenzioni, trattamenti di favore - ha spiegato Misiani - con la Tasi che ha raggiunto livelli di complicazione paradossale. Bisogna semplificare e sfoltire».

Riforma della riscossione

Il vice ministro ha puntato il dito anche contro i Comuni che «sono dei colabrodo nel sistema della riscossione e questo si ritorce sui contribuenti assoggettati ad aliquote altissime. Credo molto nell’autonomia degli enti locali - ha concluso - però un conto è l’autonomia e un altro è invece il casino».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie