Fatti&Storie

Padre e figlia arsi vivi Madre assiste impotente

TORINO

TORINO La domenica in famiglia dedicata alla passione per le Mini si è trasformata in tragedia. Giuseppe Pennacchio, idraulico di 42 anni e la sua bimba Nicole di 6 anni sono morti sulla corsia d’emergenza dell’autostrada Torino-Pinerolo a bordo dell’auto d’epoca, mentre la mamma e l’altra figlia, di soli 4 mesi, viaggiavano dietro di loro su un’altra Mini e si sono salvate. La donna ha assistito impotente alla scena: è sotto choc. La famiglia, che vive da tre anni a Orbassano, si stava dirigendo verso un piccolo raduno al castello di Macello nel Pinerolese quando, forse per un controllo, il padre ha accostato l'auto tra Riva di Pinerolo e Piscina. Mentre si reimmetteva in carreggiata, una Toyota Yaris li ha urtati e la Mini ha preso fuoco, sembra sia scoppiato il serbatoio: padre e figlia sono rimasti intrappolati all’interno e per loro non c’è stato nulla da fare. La madre ha provato ad avvicinarsi all’auto per cercare di tirare fuori suo marito e la piccola ma è stata travolta dall’esplosione, riportando delle ustioni e delle bruciature ai capelli. Anche la terza auto, la Toyota, ha preso fuoco: il conducente, 55 anni, è stato ricoverato all’ospedale di Pinerolo dove sono state trasportate anche la mamma con la neonata per accertamenti. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza i mezzi e la polizia stradale sta lavorando per ricostruire l’esatta dinamica e capire se ci siano responsabilità.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati
Fatti&Storie