Fatti&Storie

Sparo in testa, ucciso ultrà Lazio "Diabolik" Piscitelli

Roma

Fabrizio Piscitelli, ex ultrà laziale noto come Diabolik, è stato ucciso oggi in un agguato a Roma. Piscitelli è stato colpito a freddo, di spalle, con uno sparo in testa all'altezza dell'orecchio che gli è stato fatale. L'uomo si trovava al Parco degli Acquedotti, storica area verde in zona Tuscolano. Gli inquirenti sono al lavoro per individuare l'autore o gli autori dell'agguato, e per scoprire il movente di un omicidio che sembra pianificato. Piscitelli aveva avuto in passato problemi giudiziari legati alla droga.

Parco. Piscitelli era seduto su una panchina al parco con un altro uomo non identificato, quando è stato avvicinato alle spalle dal killer che ha esploso un colpo alla nuca, uccidendolo sul colpo. L'uomo che era con lui dopo l'agguato si è dileguato, ed è ovviamente ricercato in queste ore. Indaga la Direzione distrettuale antimafia di Roma. Il procuratore facente funzioni, Michele Prestipino, ha aperto un fascicolo di indagine, al momento a carico di ignoti. Le indagini sono affidate ai poliziotti della Squadra Mobile.

Articoli Correlati
Fatti&Storie