Fatti&Storie

Spedita lettera alla Ue: ok da Italia alla Tav

TAV

Una lettera che dà il via libera ufficiale del governo italiano alla Tav è partita ieri sera, poco prima delle 20, su impulso della segreteria generale della Presidenza del Consiglio dei ministri. Sulla missiva indirizzata all'Inea, l’Agenzia esecutiva per l’innovazione e le reti della Commissione europea, c'è la firma di un dirigente del Mit e non quella del ministro dei trasporti Danilo Toninelli, contrario all'opera, e il timbro della segreteria di Palazzo Chigi.    In sostanza si dà un assenso tecnico alla prosecuzione della procedura dei bandi. La lettera è arrivata a Bruxelles nel giorno della scadenza fissata per il pronunciamento dell'Italia sul completamento della Torino-Lione.

No Tav con i gilet gialli. Intanto si apre con un incontro del Movimento No tav con i rappresentanti dei " Gilets jaunes" francesi la giornata in Val di Susa, al campeggio di Venaus, prima della marcia verso il cantiere. "Come Movimento no tav - è stato spiegato in apertura dell'incontro - ci siamo sentiti quasi in obbligo di chiamare una realtà come quella dei gilet gialli per confrontarci. Ci sono molte similitudini ed è importante per il movimento cercare alleanze con chi in giro per il mondo si batte per mettere in crisi il sistema".

Articoli Correlati
Fatti&Storie