Fatti&Storie

Laureati al Politecnico occupati al 94%

Milano/Università

CITTA' STUDI Il tasso di occupazione dei laureati magistrali del Politecnico  è in aumento: il 94% di loro trova lavoro entro un anno dal titolo, contro il 91% di 5 anni fa. In particolare il tasso è dell'86% per gli architetti, del 91% per i designer e del 97% per gli Ingegneri. I dati emergono dall'ultima analisi occupazionale dell'Ateneo, che ha analizzato la popolazione dei laureati 2017 a un anno dal conseguimento del titolo. Altri dati rilevanti? Il 90% dei neolaureati trova un lavoro coerente con il percorso di studi già entro 6 mesi dalla laurea e il 26% è occupato ancor prima di laurearsi. Oltre a trovare lavoro velocemente, i laureati sono anche soddisfatti della loro scelta: quasi il 90% se tornasse indietro sceglierebbe di nuovo il “Poli”. Molto positivo il dato sulla tipologia di contratto. I lavoratori dipendenti rappresentano l'83% dei neolaureati occupati, di questi il 53% ha un contratto a tempo indeterminato, dato in crescita di ben 6 punti percentuali rispetto all'anno precedente. 

La retribuzione a 12 mesi dalla laurea di un neolaureato del Politecnico è in media 1.549 euro netti mensili, cifra abbastanza stabile rispetto alla precedente rilevazione. Per quanto riguarda la destinazione dei laureati magistrali, la quasi totalità dei laureati magistrali del Politecnico lavora in ambito privato, principalmente in Italia (88%). Infine la questione di genere: il tasso di occupazione si equivale per femmine e maschi, ma per l'area Design le donne "superano" gli uomini con un 93% contro un 88%. Tuttavia i contratti migliori e gli stipendi più alti si registrano sempre per i maschi, in particolare per gli Ingegneri che guadagnano quasi 200 euro in più rispetto alle colleghe.

NOVA

Fatti&Storie