Fatti&Storie

Tombe aperte: sono vuote Aumenta il mistero

caso orlandi

Le due tombe aperte oggi al cimitero teutonico all’interno della Città del Vaticano “sono vuote”. Lo dice il legale della famiglia Orlandi, Laura Sgrò. “Mi aspettavo di tutto ma non di vedere le tombe vuote - ha continuato - Serve fare degli approfondimenti per capire come mai”. "Adesso non può finire così. Adesso  voglio avere delle risposte, del perché nell'ultimo anno delle persone, ci hanno indirizzato in quel posto lì". Così Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, all'uscita dal cimitero teutonico, all'interno della Santa Sede, dove si sono svolte le operazioni di apertura di due tombe, nell'ambito delle incombenze istruttorie del caso Orlandi.
 "Io aspetto di poter verbalizzare", ha continuato Pietro che ha confermato di non essere mai stato interrogato "a fondo né dagli inquirenti italiani né da quelli vaticani".

Il Vaticano. Il Vaticano conferma che le tombeall’interno del cimitero teutonico sono vuote. Il direttore ‘ad interim ‘ della Sala stampa della Santa Sede Alessandro Gisotti ha riferito che Si sono concluse alle ore 11.15 le operazioni al Campo Santo Teutonico nell’ambito delle incombenze istruttorie del caso Orlandi. “Le ricerche hanno dato esito negativo: non è stato trovato alcun reperto umano né urne funerarie”, ha detto Gisotti. “L’accurata ispezione sulla tomba della Principessa Sophie von Hohenlohe - ha continuato - ha riportato alla luce un ampio vano sotterraneo di circa 4 metri per 3,70, completamente vuoto. Successivamente si sono svolte le operazioni di apertura della seconda tomba-sarcofago, quella della Principessa Carlotta Federica di Mecklemburgo. Al suo interno non sono stati rinvenuti resti umani. I familiari delle due Principesse sono stati informati dell’esito delle ricerche”. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie