Fatti&Storie

Restano disperate le condizioni del 19enne

TORINO

TORINO Dramma nel quartiere Mirafiori: sabato pomeriggio un 19enne si è lanciato dal quinto piano della sua abitazione dopo che, dalle prime ricostruzioni, la madre gli avrebbe tolto la tastiera del computer per punizione

In pochi lo conoscono in zona, Il giovane, infatti, come riportato dal Corriere della Sera, era solito trascorrere la maggior parte del tempo chiuso in casa. Un Hikikomori, così si chiamano gli adolescenti affetti dalla sindrome, che per scappare dalla società si rifugiava nella vita virtuale, comunicando con il mondo attraverso il computer chiuso in camera nell’alloggio popolare in cui vive con la mamma. Un isolamento che più volte aveva fatto nascere discussioni con la donna perché il giovane dopo aver smesso di studiare non aveva cercato lavoro, fino all’ultima lite. Quando la madre lo ha minacciato dicendogli che gli avrebbe tolto la tastiera, lui si è lanciato dal balcone. Il giovane è precipitato al suolo dopo un volo di cinque piani ed è stato subito soccorso e ricoverato all’ospedale Cto. Ha riportato diversi traumi multipli alla faccia, al cranio e alle vertebre.

Ieri pomeriggio è stato sottoposto a una difficile operazione chirurgica per intervenire sulla lesione riportata alla colonna vertebrale e stabilizzargli il trauma ma le sue condizioni restano critiche. La prognosi è riservata.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati
Fatti&Storie