Fatti&Storie

Atm, ok a nuove tariffe resta lo scoglio Trenord

Milano

Alla fine, dopo 50 ore di consiglio comunale, è stata votata la delibera sulle nuove tariffe di trasporto pubblico urbano con 27 voti a favore e 6 contrari (su 48) mentre i consiglieri della Lega sono usciti. Dal 15 luglio quindi  il biglietto singolo del tram salirà a 2 euro. A mitigare la botta, molto contestata dall’opposizione, il fatto che il biglietto urbano varrà anche nei 21 comuni di prima fascia, tra cui Rho Fiera, Sesto San Giovanni, Rozzano. Il nuovo sistema tariffario interesserà circa 2,5 milioni di persone e 46 comuni.  Invariato a 330 euro solo il costo dell'abbonamento annuale, gratis gli abbonamenti per under 14 o per gli over 65 con un reddito Isee inferiore ai 6 mila euro. Novità come il biglietto breve a prezzo ridotto arriveranno nel 2020.
Ma adesso si riapre il fronte con la Regione, soprattutto per quanto riguarda l’integrazione tariffaria con Trenord, per ora valida solo sul Passante. Prudente l'assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi: «Cercheremo di evitare qualunque tipo di disagio per i nostri cittadini». Senza gli accordi commerciali con Trenord, per il capogruppo Fi in consiglio comunale Fabrizio De Pasquale, la delibera sarebbe illegale.

Articoli Correlati
Fatti&Storie