Sport

Roma, Totti è un caso Per l'ex capitano futuro in bilico

Calcio

CALCIO Un altro tsunami potrebbe abbattersi sulla Roma. Ieri Totti ha scritto sui suoi social «in questo momento vengono dette e scritte tante parole, cercando di ipotizzare i miei pensieri e le mie scelte. A breve il mio punto di vista nella giusta sede…». In attesa degli eventi c’è una sola certezza: a Francesco Totti non basta più essere la bandiera della Roma. L’ex capitano, non è un mistero, chiede da tempo più poteri che,   formalmente, gli sono stati anche riconosciuti con la proposta del Ceo Guido Fienga di affidargli il ruolo di direttore tecnico. Solo che Totti vuol vederci chiaro: finora i suoi gradi da generale non hanno avuto peso nelle decisioni. Prendete gli ultimi due arrivi: Paulo Fonseca ed il ds (ancora non in carica) Gianluca Petrachi. L’ex capitano non è stato coinvolto nelle loro scelte, e  non ha nemmeno partecipato ai vertici strategici di Londra, dove Pallotta, Fienga, Calvo, Baldini e Fonseca hanno iniziato a disegnare la nuova Roma. Se non dovesse avere le garanzie  sui suoi  poteri Totti potrebbe trarre le sue decisioni: con conseguenze incalcolabili.        

Novità sullo stadio
Una delegazione della As Roma, guidata dal vicepresidente Mauro Baldissoni, ha incontrato ieri il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino. Al centro del colloquio la questione dello stadio, per il quale il primo cittadino da tempo si è reso disponibile a verificare la fattibilità su un’area di circa 350 ettari,

Articoli Correlati
Sport