Fatti&Storie

Pestaggio in corsia Nigeriano arrestato

Roma

ROMA cittàPrima di essere fermato dai Carabinieri, ieri mattina ha aggredito un’altra persona, una donna di 37 anni presa a schiaffi alla stazione Termini. Alukwe Okecku, cittadino nigeriano di 48 anni, è l’uomo che lo scorso primo giugno ha brutalmente pestato un portantino del Policlinico Umberto I, procurandogli lesioni guaribili in 21 giorni.

Da allora era irreperibile, ora dovrà rispondere di tentato omicidio, sia nei confronti del dipedente dell’ospedale, sia nei confronti dei carabinieri che lo scorso 31 maggio lo avevano preso in consegna dal carcere di Velletri per accompagnarlo a Potenza presso un Centro per la permanenza e i rimpatri.

Sull’uomo, che aveva appena finito di scontare una pena di una anno e 4 mesi per lesioni, violenza sessuale e resistenza a pubblico ufficiale, pendeva infatti un decreto di espulsione. Ma durante il tragitto in auto il 48 enne si era scagliato contro i militari: calci, morsi e pugni, oltre a diversi tentativi di far uscire la vettura di strada. I Carabinieri a quel punto avevano chiamato rinforzi e lo avevano condotto in caserma, dove l’uomo ha continuato a dare in escandescenze fino a ferirsi, e contestandogli  la resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Il giorno dopo, il primo giugno, si era celebrato il processo per direttissima. Il giudice però, pur convalidando l’arresto, aveva deciso di non applicare nessuna misura cautelare nei confronti del 48 enne, che nel frattempo era stato accompagnato all’Umberto I. Poche ore dopo, formalmente libero, si è scagliato senza motivo contro il dipendente dell’ospedale. Il 48 enne da ieri è piantonato al Santo Spirito. Una volta dimesso, sarà accompagnato in carcere.

Articoli Correlati
Fatti&Storie