Fatti&Storie

“Furbetti” a Foggia nei guai un primario

sanità

FOGGIA Maxi retata anti furbetti all’ospedale di San Severo (Foggia), dove otto dipendenti sono finiti agli arresti domiciliari e un nono è stato sospeso dal servizio. Le persone coinvolte sono il primario di rianimazione, un dirigente, cinque collaboratori amministrativi, un operatore tecnico e una commessa. Grazie alle indagini e alle telecamere nascoste nei pressi dell’apparecchiatura per timbrare il cartellino, i finanzieri hanno accertato false attestazioni di presenza per un totale di oltre 5.300 ore.

Saluti dalla spiaggia

C’era chi andava a dare una mano al bar della moglie, chi passava il tempo con amici e parenti (anche al mare e postando il tutto sui social), fino al primario che si allontanava dall’ospedale ma attestava di aver eseguito prestazioni specialistiche in straordinario per smaltire le liste d’attesa dei pazienti.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie