Fatti&Storie

Petroliere sabotate alta tensione nel Golfo

Golfo Persico

EMIRATI ARABI Alcune navi petroliere sono state oggetto di sabotaggio al largo di Fujairah. Lo denunciano le autorità di Riad e di Abu Dhabi, mentre sale la tensione nel Golfo dopo l’annuncio di Teheran di non rispettare parte dell’intesa sul nucleare e l’invio di navi e batterie di missili Patriot nella regione da parte degli Usa. Intanto, il Segretario di Stato Usa Mike Pompeo fa tappa a Bruxelles prima dell’incontro di oggi con il presidente russo Vladimir Putin a Sochi. «Siamo molto preoccupati che, a causa dell’escalation della tensione, un incidente possa scatenare una guerra», ha detto il ministro degli Esteri britannico Jeremy Hunt prima di incontrare Pompeo. A detta del ministro saudita per l’Energia, Khalid Al-Falih, «due compagnie petrolifere saudite sono state sabotate nella zona economica esclusiva degli Emirati Arabi, al largo delle coste dell’emirato di Fujairah, mentre stavano per entrare nel Paese, nel Golfo dell’Arabia».

«Avventurismo straniero»

 
Domenica erano stati gli Emirati a denunciare «atti di sabotaggio» contro quattro navi commerciali di diverse nazionalità, a est di Fujairah, senza identificare gli autori ma definendo l’evento «serio». A Teheran, le autorità iraniane hanno chiesto l’apertura di un’indagine. «Questi incidenti nel Mar Arabico sono allarmanti e deplorevoli», ha detto il portavoce del ministero degli Esteri, Abbas Mousavi, mettendo in guardia contro «l’avventurismo straniero» per distruggere il trasporto marittimo nella regione.

Iran e Usa ai ferri corti

La denuncia di questi episodi di sabotaggio da parte di due stretti alleati di Washington arriva in mezzo a una nuova tensione tra Usa e Iran dopo il rafforzamento delle sanzioni statunitensi contro la Repubblica islamica, che ha sospeso alcuni dei suoi impegni nucleari. Domenica siti pro-iraniani avevano riferito una serie di esplosioni nel porto di Fujairah, sostenendo che tra sette e dieci petroliere avevano preso fuoco dopo un sorvolo di aerei americani e francesi.

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie