Spettacoli

«Gli uomini devono stare attenti a noi due»

Cinema/Anne Hathaway

ROMA Una è grassa, bionda e volgarotta; l'altra magra, bruna e seducente. Nulla le unisce se non la capacità di truffare gli uomini. Ecco “Attenti a quelle due”, da giovedì 16 maggio in sala, in cui Chris Addinson mette l'una davanti all'altra l'esuberante Rebel Wilson e l'elegante Anne Hathaway.

Signora Hathaway da dove è partita per entrare nei panni di questa truffatrice? 
«Ho scavato nella mia vita personale. All’inizio della mia carriera la gente mi diceva che la mia vita pubblica sarebbe stata qualcosa al di fuori di me e così per molti anni ho pensato che il mio io pubblico non avesse niente a che fare con la vera me. Sono partita usando quelle sensazioni lì».

Il film è un remake al femminile di “Due figli di...”. È stato divertente invertire la prospettiva? 
« Certo che sì: lì si giocava sulle idee romantiche che hanno le donne riguardo gli uomini che, però, alla fine, si approfittano di loro. Noi, invece ci approfittiamo di uomini che hanno un’idea dannatamente pericolosa di ciò che sono le donne. Quindi penso che forse, in questo senso, il nostro film sia un po’ più tagliente».

Ha scelto da sola i suoi outfit? 
«Ho lavorato a stretto contatto con la costumista del film per creare dei look che riflettessero la duplicità del personaggio che interpreto, una donna che veste sexy e provocante quando è “al lavoro”, ma diventa eccentrica e creativa in casa, cosa che mi appartiene un po'».

Cosa vorrebbe che il film suggerisse allo spettatore? 
«Che tutti noi vorremmo trasformarci in qualcos’altro, ma che in realtà invece dovremmo accettarci ed essere felici di ciò che siamo».

 

SILVIA DI PAOLA 

Spettacoli