Fatti&Storie

Pyongyang è tornata a lanciare i suoi missili

NORD COREA

Pyongyang torna a  lanciare razzi verso Est. Lo ha fatto alle 9.06 ora coreana, (le 2.06 in Italia) dalla penisola di Hodo, vicino alla città della costa orientale di Wonsan. I razzi hanno viaggiato dai 70 a 200 chilometri verso il Mare del Giappone, ha riferito lo stato maggiore di Seul che inizialmente aveva parlato di test di "un missile a corto raggio".    Subito allarmati gli Stati Uniti che, tramite la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, hanno fatto sapere di "monitorare la situazione e analizzare le caratteristiche dei razzi". Preoccupazione è stata espressa anche dalla Corea del Sud che "condivide le informazioni in stretto contatto con gli Usa". Secondo Seul il test ha violato un accordo militare siglato dalle due Coree a Pyongyang l'anno scorso e questo è motivo di "una grande preoccupazione". Tuttavia, secondo alcuni analisti del Nord, il test "non viola la moratoria dei test sui missili autoimposta di Kim Jong Un", che "si applicava solo ai missili balistici intercontinentali". 

Missili balistici.    La penisola di Hodo è già stata utilizzata nel 2016 anche per un test di missili balistici Musudan/Hwasong. Si tratta della seconda provocazione del leader nordcoreano Kim Jong-un dal fallimento del vertice di Hanoi del febbraio scorso, in Vietnam, con il presidente americano Donald Trump. Kim, lo scorso 17 aprile ha annunciato di aver supervisionato il test di "una nuova arma tattica", definendo l'evento "di grande importanza". Aveva inoltre definito ostile l'atteggiamento Usa ad Hanoi minacciando azioni "corrispondenti".  Quello odierno è il primo lancio di missili da parte della Corea del Nord da oltre un anno: l'ultimo test risale al novembre del 2017. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie