Sport

Inzaghi: «Il Chievo ormai è dimenticato»

Coppa Italia: semifinale di ritorno

CALCIO Chi farà compagnia a Immobile? Caicedo o Correa? Probabilmente quest’ultimo, ma, dubbi a parte, quella di stasera a San Siro sarà la “miglior” Lazio. Dunque, quella che, a centrocampo, allineerà i reprobi Milinkovic-Savid e Luis Alberto (squalificati per un turno in campionato dopo l’espulsione rimediata nella gara contro il Chievo), Leiva, Lulic e Romulo, davanti alla difesa di Acerbi, Luiz Felipe, Bastos e, tra i pali, Strakosha. Basterà? L’obiettivo è enorme, come ieri ha detto il tecnico, Inzaghi. Che rassicura, non si sa se per dovere d’ufficio o perché ci creda veramente: «Si è parlato molto della brutta figura che abbiamo fatto sabato scorso contro il Chievo Verona, ora c'è voglia di riscatto nello spogliatoio. Domani ci giochiamo tanto della nostra stagione, vogliamo prenderci una finale che per noi rappresenta un grande obiettivo». E ancora: «Dovremo esser bravi ad esser propositivi indirizzando a nostro favore gli episodi. Abbiamo preparato bene la gara di Milano negli ultimi due giorni. Punto molto su chi scenderà in campo, ma i cambi saranno altrettanto importanti». Occhio al “giallo”: i diffidati sono ben sette.

Statistiche: la Lazio ha vinto sei Coppe Italia, il Milan 5. Nella manifestazione si sono incontrate 19 volte: 9 vittorie Milan, 7 Lazio. Prima sfida il 6 aprile 1939 (2-1 per i rossoneri). In finale si sono affrontate nel ‘97-‘98. Si impose la Lazio, vinse 3-1 il ritorno all’Olimpico. 

METRO

Articoli Correlati
Sport