Spettacoli

L’amore? Ha tante facce e tutte diverse

Ariadne auf Naxos Wake-Walker

OPERA L’aveva promesso a inizio di stagione. Così il Sovrintendente e direttore artistico del Teatro alla Scala mantiene ora la parola data e sale in scena, dal 23 aprile al 22 giugno, al Piermarini per recitare il ruolo, solo parlato, dell’Haushofmeister, il maggiordomo dell’Ariadne auf Naxos di Richard Strauss. L’opera sbarca alla Scala a 13 anni dall’ultima ripresa, diretta sul podio dall’austriaco Franz Welser-Möst, la cui statura di interprete straussiano è stata ribadita, la scorsa estate, dal trionfo di Salome al Festival di Salisburgo. La regia è affidata invece a Frederic Wake-Walker, giovane talento britannico, narratore di intrecci metateatrali, che qui si trova alle prese con il raffinato libretto di Hugo von Hofmannsthal. Sulla scena si assiste a un’analisi profonda e partecipe dell’animo umano, capace di unire i toni della commedia allo svelamento delle verità del cuore. Già, perché qui, in una festa in casa dell’“uomo più ricco di Vienna”, due mondi opposti convivono a forza su uno stretto palcoscenico: da una parte Arianna, interpretata da Krassimira Stoyanova, amante infelice, eroica, “seria”, che si strugge in cerca del senso della vita, dall’altra la smaliziata Zerbinetta, consumata attrice da Commedia dell’Arte e cantante dalla coloratura spettacolare, qui Sabine Devieilhe, che ribatte che l’amore è solo il più delizioso dei divertimenti, meglio se con molti partner diversi (Info: teatroallascala.org).

Spettacoli