Fatti&Storie

Arrestati per rapina i rapper Traffik e Gallagher

Roma

Arrestati per rapina a Roma i due noti rapper Traffik e Gallagher. I due sono ritenuti responsabili di concorso in rapina aggravata dall'uso delle armi ai danni di 4 persone, di cui uno minorenne.    Entrambi romani, 23 e 25 anni con precedenti, noti cantanti rapper dello scenario "Trap" e "Hip hop" a livello nazionale tra i giovani, i due sono accusati di aver aggredito, la sera del 23 febbraio, tre ragazzi all'uscita della stazione Termini, utilizzando anche una tirapugni in ferro, tentando di strappare loro i cellulari.

Autografi. Le vittime si erano avvicinate ai due rapper, dopo averli riconosciuti, con l'intento di farsi firmare degli autografi. Ma il loro entusiasmo è stato tradito dalle immediate minacce ricevute, senza preavviso, unite alle violenze fisiche con cui sono stati aggrediti. Con non poche difficoltà erano riusciti a fuggire velocemente a piedi, venendo rincorsi. Durante l'inseguimento, i due aggressori si sarebbero fermati anche a picchiare un cittadino del Bangladesh, di 50 anni, che era in strada ad aspettare l'autobus, riempiendolo di calci e pugni, tentando di sottrarre il cellulare anche a lui, ma non riuscendoci per l'intervento di alcuni passanti. Per scappare dalla furia dei due, lo straniero è finito investito da un'autovettura in transito. Soccorso e trasportato all'ospedale i medici gli hanno riscontrato la frattura della gamba, una volta medicato, è stato dimesso con 30 giorni di prognosi. Le indagini condotte dai Carabinieri della Stazione Roma Macao, competente sul quartiere Castro Pretorio, hanno permesso di ricostruire l'esatta dinamica degli eventi e di identificare i responsabili in modo inconfutabile. In particolare con il riconoscimento fotografico delle vittime e anche del cittadino bengalese, che era stato rintracciato dai Carabinieri, risalendo alla cartella clinica del pronto soccorso, dove era stato accompagnato dall'ambulanza.    Il 25enne è stato rintracciato dai militari della Compagnia Roma Centro mentre si trovava all'interno di una barberia del quartiere Parioli; il suo complice, invece, è stato rintracciato a Novara dai Carabinieri della locale Stazione.    I 2 indagati sono stati arrestati e sottoposti agli arresti domiciliari.

Articoli Correlati
Fatti&Storie