Fatti&Storie

F-35, vertice Conte-Trenta Ma nel governo è tensione

F-35

ROMA Vertice tra il presidente del Consiglio, Conte, e la ministra della Difesa, Trenta, sul dossier degli F-35. Sono state già trasferite negli Stati Uniti le somme dovute per le commesse già completate e a breve verranno concretamente effettuati i pagamenti. Nei prossimi mesi tutti i comparti della difesa, sotto il coordinamento della ministra Trenta, «saranno chiamati a operare una ricognizione delle specifiche esigenze difensive dell'Italia, in modo da assicurare che le prossime commesse siano effettivamente commisurate alle nostre strategie di difesa, con l'obiettivo di garantire la massima efficacia ed efficienza operative in accordo con la collocazione euro-atlantica del nostro Paese».

«Una profonda revisione»

«Quando dò una parola vado fino in fondo. Ritengo un danno per l'economia italiana ogni ipotesi di rallentamento e ravvedimento» del programma di acquisto di F-35. Ha affermato il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini. Il governo italiano pagherà le rate per gli F-35, anche se «occorre una revisione profonda degli accordi fatti - ha spiegato il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano - sugli F-35 abbiamo detto e lo confermiamo, che occorre una revisione profonda degli accordi fatti, ma è chiaro che se abbiamo delle commesse da pagare certamente non passeremo alla storia per aver tradito un accordo fatto con aziende private, c'è un'intera filiera che va rispettata».

METRO

Articoli Correlati
Fatti&Storie