Fatti&Storie

Dolosi gli incendi della Valle Lanzo

TORINO

torino Prende piede l’ipotesi dolosa per gli incendi che da ore stanno mettendo a dura prova la Valle di Lanzo, nel Torinese. Le fiamme sono divampate lunedì in un bosco di Val della Torre e, a causa del vento che ha soffiato anche a 90 km/h, si sono prorogate arrivando al comune di Givoletto, avvicinandosi  alle case. I carabinieri stanno lavorando per capire cosa abbia innescato i roghi effettuando dei sopralluoghi nella zona del Monte Baron: è da lì che si ipotizza sia partito l’incendio. L’allarme è alto e anche la paura per i residenti. Nella notte tra mercoledì e giovedì sono state evacuate 30 persone in via Borgonuovo che dopo alcune ore sono rientrate in casa. È stata allestita anche una sala operativa e uno spazio accoglienza per le famiglie. Ora il timore è che gli incendi si rialimentino, per questo anche nella giornata di ieri le  dieci squadre dei vigili del fuoco e i volontari, insieme con elicotteri antincendio e Canadair, hanno continuato a lavorare per monitorare i danni ed evitare nuovi focolai. Finora sono stati oltre 300 gli ettari di bosco distrutti. Intanto nei giorni scorsi è scattato lo stato di massima pericolosità nei boschi, dopo i 40 giorni di siccità che hanno interessato il Piemonte: la Protezione civile  ha avviato il piano per affrontare un’emergenza che non sembra rientrare. Cristina Palazzo

Articoli Correlati
Fatti&Storie