Fatti&Storie

Manuel: "Gli aggressori? Se li incontrassi, riderei..."

manuel bortuzzo

"Non mi cambierebbe niente, penso che se li avessi davanti mi metterei a ridere, perché non ha senso quello che hanno fatto". Lo ha detto, nel corso di una conferenza stampa al centro federale Fin di Ostia, Manuel Bortuzzo, il nuotatore 19enne rimasto paralizzato alle gambe dopo essere stato ferito da alcuni colpi di pistola la notte fra il 2 e 3 febbraio nel quartiere romano dell'Axa, rispondendo a chi gli chiedeva se fosse disposto ad incontrare i suoi aggressori. A chi gli ha chiesto se fosse arrabbiato dopo tutto quello che è successo, Manuel ha risposto: "No, l'ho detto un sacco di volte. Io in quel momento stavo vivendo la mia vita, ero felice, non stavo facendo niente per andare incontro a una cosa del genere. Evidentemente doveva succedere".

Tra 10 anni. "Come mi vedo tra dieci anni? Forse per un motivo o per l'altro ancora in televisione... ma spero in piedi". Via da Roma? "No, anzi: dico la verità, vorrei comprare casa. E' vero che la città mi ha tolto, ma forse è più quello che mi ha dato. Qui ho tutto, sto bene qua".

Fatti&Storie