Fatti&Storie

Anche Londra e Roma mettono al bando i Boeing 737

etiopia

Dopo il disastro aereo di domenica in Etiopia, la Gran Bretagna ha bandito il volo dei Boeing 737 MAX dal proprio spazio aereo.  E anche l'Enac ha disposto la chiusura dello spazio aereo italiano a tutti i Boeing 737 Max 8 dalle 21 di oggi. Lo annuncia l'Ente, spiegando che tale decisione è stata presa "per motivi precauzionali" e "visto il perdurare della mancanza di informazioni certe in merito alla dinamica dell'incidente della Ethiopian Airlines avvenuto domenica 10 marzo e che ha coinvolto un velivolo Boeing 737 Max 8 e del precedente incidente di ottobre in Indonesia".

Le altre compagnie. Anche Norwegian Air Shuttle ha annunciato che lascerà a terra i suoi Boeing 737 MAX 8. La compagnia norvegese ha in servizio 18 di questi aerei, che fanno parte di un ordine di 110 apparecchi. E anche l'Oman ha sospeso partenze e arrivi nei suoi aeroporti dei Boeing 737 Max. Lo ha annunciato l'autorità per l'aviazione civile di Muscat. "Sospendiamo temporaneamente le operazioni dei Boeing 737 Max in entrata ed uscita da tutti gli aeroporti dell'Oman, fino a ulteriore notifica", hanno fatto sapere le autorità su Twitter. La compagnia di bandiera dell'Oman, la Oman Air, ha cinque Boeing 737 Max nella sua flotta. Il paese e' il primo, tra le nazioni del Golfo, a sospendere i voli del mezzo, finito sotto accusa per la tragedia, in cui sono morte 157 persone.

Articoli Correlati
Fatti&Storie