Fatti&Storie

Chi non è vaccinato da domani non entra a scuola

Vaccini

Slitta di un giorno il termine previsto per la presentazione dei documenti di avvenuta vaccinazione. Da domani, per i bambini e gli studenti non in regola scattano le sanzioni previste dalla legge Lorenzin. E' quanto precisa il ministero della Salute, spiegando che il limite fissato al 10 marzo, essendo domenica, tecnicamente viene posticipato di un giorno. C'è tempo dunque fino a oggi per presentare il certificato vaccinale. 

Basta rinvii. I rinvii, le proroghe, le autocertificazioni sono finite: oggi è l’ultimo giorno per mettersi in regola con i vaccini obbligatori, portando il certificato vaccinale a scuola, altrimenti, al suono della campanella, i bambini da 0 a 6 anni rimasti con la sola autocertificazione rimarranno fuori dall’aula, finchè non saranno in regola. Si stimano però pochi casi. La legge Lorenzin, che prevede dieci vaccini obbligatori e, appunto, l’esclusione dalla scuola dell’infanzia per i bambini non in regola (per quelli di elementari e medie invece scattano le multe ai genitori da 100 a 500 euro) diventa dunque operativa, dopo una serie di rinvii, ultimo proprio quello del Milleproroghe che spostava la scadenza dal settembre 2018 al 10 marzo 2019, per evitare il caos alla riapertura delle scuole dopo le vacanze, anche alla luce del fatto che l’anagrafe vaccinale - che consentirebbe di avere un quadro preciso di quanti bambini sono vaccinati - ancora non c’è. Nel frattempo sta procedendo in Commissione Sanità del Senato la proposta di legge M5S-Lega che prevede l’obbligo «flessibile», ossia stabilito vaccino per vaccino sulla scorta dei dati epidemiologici. Ma i tempi di approvazione non saranno brevi.

Articoli Correlati
Fatti&Storie