Sport

Roma ko all'ultimo round Passa il Porto, bufera Var

CALCIO La Roma crolla al Do Dragao di Oporto e lascia la Champions League  dopo 117 minuti di battaglia vera. Grande protagonista della gara è stato il Var: il rigore al 117’ è stato concesso con l’ausilio dello strumento elettronico, due minuti dopo un rigore evidente e solare su Schick non solo non è stato concesso ma l’arbitro non ha nemmeno avuto lo scrupolo di consultare il Var come aveva appena finito di fare con gli avversari della Roma.
 
Detto questo, la Roma è fuori. I lusitani sono partiti meglio ed hanno messo da subito alle corde la Roma. Il Porto trascinato da Corona, la Roma tenuta in piedi dal carisma di De Rossi. La squadra di Conceicao è passata al 26’ con un tocco da due passi di Tiquinho su assist di Marega. Ma la Roma, stavolta,  ha reagito ed al 37’ si è procurata con Perotti il rigore che De Rossi ha trasformato. Senza alcun dubbio il migliore in campo, Daniele De Rossi si è però infortunato al 45’ al polpaccio. L’assenza del capitano  si è sentita, perchè nel secondo  tempo il Porto ha preso a spallate la difesa romanista: il gol del 2-1, fotocopia del primo, porta la dirma di Marega. La Roma ha giocato meglio nei supplementari, dove Dzeko ha avuto due occasioni clamorose. Poi, il rigore di Alex Telles ed il purgatorio romanista. Ed ora? Non si era detto che in caso di ko Di Francesco sarebbe stato esonerato? Le prossime ore, a questo punto,  saranno cruciali.

Sport