Fatti&Storie

Gli abiti? "Foderati" di banconote

TORINO

TORINO Ben 170mila euro in banconote nascosti in fodere di cappotti. È quanto i finanzieri hanno trovato in un negozio di Torino insieme a 20mila vestiti finto “puro lino”, con tanto di logo della sartoria toscana come attestazione di qualità e 125mila etichette. I capi, tutti in acrilico, sono stati sequestrati e, una volta tolto il marchio, saranno devoluti dai finanzieri ad associazioni umanitarie. Ma la filiera partiva da lontano: le indagini hanno permesso di trovare a Prato il punto di smercio.

Oltre alla merce, sono state sequestrate 7 apparecchiature per creare vestiti e filato per un milione di euro. Tre imprenditori cinesi sono stati denunciati per frode in commercio, reati contro l’industria ed il commercio, contraffazione marchi e ricettazione.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati
Fatti&Storie