Fatti&Storie

La fiducia nei ministri: Salvini primo, Di Maio sesto

GOVERNO

Crollo di fiducia per il ministro Danilo Toninelli, forte calo per Luigi Di Maio, e - per la prima volta - calo, pure se di poco, anche il vicepremier Matteo Salvini. E' "minister monitor", la periodica analisi che l'osservatorio politico Euromedia Research di Alessandra Ghisleri svolge in collaborazione con il massmediologo Klaus Davi.

Podio a Salvini, Bongiorno, Tria. Saldamente in testa alla classifica è il ministro dell'Interno e vicepresidente del Consiglio Salvini con un indice di fiducia del 50,5, in calo del 2,7% rispetto a settembre 2018. Al secondo posto Giulia Bongiorno, ministro leghista per la Pubblica amministrazione, a 49 punti di fiducia e in ascesa del 2,6%. Terzo il ministro dell'Economia Giovanni Tria a 41,4, che perde 4,6% ma guadagna corposamente in notorietà (+9,1%, con un indice dell'82,5). In discesa anche Giancarlo Giorgetti, sottosegretario leghista alla presidenza del Consiglio dei ministri, al 39,4 (-3,7%) e il ministro uscente per gli Affari Europei Paolo Savona, con un indice di fiducia del 36,2 (-5,3%).

Di Maio solo sesto. In sensibile calo il ministro dello Sviluppo Economico, del Lavoro e delle Politiche Sociali, e capo politico del M5S Luigi Di Maio, che si ritrova sesto a quota 34,3, perdendo l'8,2% rispetto alle ultime rilevazioni. Guadagna invece una posizione in classifica Gian Marco Centinaio, ministro leghista delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e del Turismo, con un indice di fiducia del 34,2, in lieve calo dell'1,7%, ma con un importante avanzamento in notorieta' del 7,6% che lo porta a un indice di 72,3 punti. Dietro di lui il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, a 34,0 (-0,8%). Lorenzo Fontana, ministro leghista per la Famiglia e le Disabilità, registra un calo di cinque punti in termini di fiducia (a 28,8) ma compensa in termini di notorietà (74 punti), cosa che gli permette di staccare la ministra della Difesa Elisabetta Trenta (M5s), decima con una fiducia di 28,5 punti.    A seguire troviamo tutti gli altri, a partire da Marco Bussetti (Lega), ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca, a 28,3 e in ascesa dello 0,2%, seguito da Giulia Grillo (M5s), ministro della Salute, a quota 27,8 (-3,1%). Sergio Costa (M5s), ministro dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, perde una posizione a quota 27, a pari merito con Alfonso Bonafede, ministro della Giustizia.

Ultimi, da Toninelli a Lezzi. Calo verticale invece per Danilo Toninelli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che sconta un 14,8% in fiducia, scendendo a 25,2 punti. Erika Stefani (Lega), ministro per gli Affari Regionali e Autonomie, è terzultima a 24,5 (-1,3%) mentre Alberto Bonisoli (M5s), ministro per i Beni e le Attività Culturali, e Riccardo Fraccaro (M5S), ministro per i Rapporti con il Parlamento e per la Democrazia Diretta, si trovano penultimi appaiati a 23,9 (rispettivamente -3,2% e -2,8%). Chiude Barbara Lezzi, ministro per il Sud, a 20,2 punti (-5,5%).

Articoli Correlati
Fatti&Storie