Fatti&Storie

A Milano un registro per i richiedenti asilo

Milano

Il Comune istituirà un registro dei richiedenti asilo che, per effetto del dl sicurezza di Salvini, non potranno più ottenere l'iscrizione anagrafica. È stato deciso in commissione Politiche sociali a Palazzo Marino su proposta dell’assessore al welfare Pierfrancesco Majorino. Il sindaco ha detto che pensa di introdurlo in via sperimentale con una delibera di giunta, senza passare prima per il voto del Consiglio comunale «perché dilaterebbe i tempi» su una questione urgente.  L'elenco rientra negli ambiti amministrativi del municipio in base al decreto 267/2000, che regola la competenza nei servizi alla persona. Dal 25 ottobre a oggi 103 migranti hanno chiesto all'anagrafe un certificato. Ora i loro dati saranno registrati e poi messi a disposizione di enti che erogano servizi di cui queste persone hanno diritto, come l'Inps, le aziende sanitarie e le scuole. In via Scaldasole sarà aperto uno sportello di consulenza legale. Prevista anche l'istituzione di una rete civica per l'integrazione organizzata da Comune e Terzo settore, per intercettare chi vive per strada, magari perché ha perso il diritto all'accoglienza nei centri per effetto del cambiamento della legislazione in materia di immigrazione.
Si è detto d’accordo il consigliere d’opposizione grillino Gianluca Corrado, a patto che non sia un modo «per attaccare il Governo». Contrario tutto il centro destra.

Articoli Correlati
Fatti&Storie