Sport

Icardi, tolta la fascia il pugno duro dell'Inter

Calcio

CALCIO L’Inter e Mauro Icardi hanno scelto il giorno prima di San Valentino per non amarsi più. Gli effetti della “chiacchierata” tra Spalletti e Marotta sono clamorosi: fascia di capitano tolta all’attaccante e consegnata a  Samir Handanovic. Icardi non parteciperà alla partita di questa sera a Vienna contro il Rapid (ore 18.55, diretta Sky). La pazienza del club sembra così essere finita.
Nuovo caso Totti per Luciano
Dalla pancia dell’Allianz Stadium Spalletti - alle prese con un nuovo scottante caso Totti - ha voluto dire la sua. «Mauro era convocato per Vienna ma non ha voluto esserci- ha detto - dopo pranzo ci ha comunicato che non si sentiva di venire qui con noi. Ovviamente ci è rimasto male (per aver perso la fascia, ndr) ma ci sono delle cose intorno che disturbano lui e la squadra». Le “cose” che secondo Spalletti «disturbano» sarebbero in realtà riassumibili nella persona di Wanda Nara, moglie e procuratrice di Icardi.  Le esternazioni di Wanda hanno più volte infastidito dirigenti, allenatore e compagni, con una escalation nell’ultima settimana culminata con l’accusa ai compagni di servire male il marito. Cose su cui l’ex capitano non ha mai speso una parola per smentire la moglie e che sono dunque diventatre, nello spogliatoio, distanze silenziose. La decisione del club è stata presa dunque «per il bene dell’Inter».
Recuperare il giocatore
 Dopo tre anni e mezzo e più di mille giorni la fascia cambia braccio. La lista dei capitani degradati, nel calcio, è lunga: da Casillas a Neymar, da John Terry a Johann Cruyff fino a Giuseppe Giannini. Tutti campioni che poi si sono ripresi: ora l’Inter deve recuperare Icardi come uomo e come giocatore, se non vuole che dopo la fascia l’argentino cambi anche la maglia.             

Articoli Correlati
Sport