Spettacoli

«Oggi il rap va di moda ma per noi è magia»

Musica/Colle der Fomento

ROMA «“Adversus” nasce dall' urgenza di raccontare le delusioni e le sconfitte degli ultimi anni, il conflitto interno che spesso è il male più difficile da battere. In un periodo in cui tutto è velocità abbiamo voluto dare importanza al contenuto ed evidenziare l'uomo piuttosto che il musicista. Abbiamo lavorato su noi stessi cercando di vincere i nostri limiti con uno sguardo al passato ma la mente salda nel presente, totalmente in controtendenza col rap di oggi abbiamo cercato una nostra via, un senso». 

Parole di Masito, dal 1994 voce insieme a Danno dei Colle der Fomento, in tour col nuovo album “Adversus”, il primo di inediti da dieci anni a questa parte. La band suonerà giovedì all'Alcatraz di Milano, il 22 al Supermarket di Torino e il 9 marzo allo Strike di Roma. 

«La scena rap - spiega Danno - è cambiata  in questi ultimi anni: oggi il rap va di moda, prima eri visto come un alieno. Per noi era e resta qualcosa di magico, ma anche di misterioso, fuori da ogni radar». 

I motivi per fare rap per Colle der Fomento sono oggi gli stessi per cui hanno cominciato: «Vogliamo raccontare il mondo che vediamo - sottolinea Masito - usando metafore che ci riguardano; il nostro obbiettivo è sempre stato quello di migliorare tecnicamente e come contenuti, oggi siamo più lucidi e vediamo le cose per ciò che sono.  Ma la passione per la musica è la stessa, anzi: è aumentata con la consapevolezza».

STEFANO MILIONI

Spettacoli