Fatti&Storie

Abruzzo a Marsilio, M5S ko Salvini rassicura: "Non cambia nulla"

elezioni regionali

In Abruzzo la vittoria di Marco Marsilio alle elezioni regionali rilancia la coalizione di centrodestra e segna un netto calo del M5S rispetto alle politiche di un anno fa. Il candidato di Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia ha ottenuto il 48% delle preferenze. Un risultato che Giorgia Meloni, presidente di FdI, commenta con entusiasmo: "Una giornata storica - dice - gli elettori hanno premiato la competenza e la coerenza, che abbiamo saputo dimostrare in questi anni". Un modello, aggiunge, che può "essere spendibile anche a livello nazionale".

Lega al 27%. Anche Matteo Salvini sottolinea la "vittoria clamorosa". La Lega in Abruzzo ha raddoppiato i consensi ed è ora 27,45%, ma il vicepremier assicura: "Non cambia nulla a livello di governo. Avanti con il lavoro. Abbiamo tanti impegni da mantenere". 

   Silvio Berlusconi guarda con fiducia ai prossimi appuntamenti elettorali, anche se FI (che ha ottenuto il 9,1% delle preferenze) e' l'unico partito della coalizione che cala rispetto alle politiche del 4 marzo. "Da oggi - afferma il leader azzurro - comincia la sfida di Forza Italia e del centro-destra per la Sardegna, per la Basilicata, per il Piemonte e infine per le elezioni europee di maggio decisive per il futuro dell'Europa e dell'Italia. Sono sicuro che il centro-destra unito avra' successo in tutte queste importanti elezioni". Controcorrente il commento di Giovanni Toti, governatore della Liguria, che invita i vertici del partito a mettersi in gioco. "La Lega vola, Fratelli d'Italia cresce, cresce persino l'Udc, Forza Italia perde circa altri 5 punti dalle elezioni di un anno fa. Ma guai a chi dice qualcosa. La decrescita felice non e' piu' programma del 5s, e' il programma della nostra classe dirigente", sottolinea. 

Affluenza. L’affluenza è risultata in calo rispetto alle precedenti consultazioni. Raggiunto il 52,9%. 

Articoli Correlati
Fatti&Storie