Fatti&Storie

Troppi accessi a Facebook? Il licenziamento è giusto

cassazione

Non saper rinunciare a collegarsi a Facebook può costare il posto di lavoro: è stato confermato in via definitiva il licenziamento disciplinare di una donna, segretaria part time in uno studio medico, che, durante l'orario di servizio, nell'arco di 18 mesi, aveva effettuato dal pc in ufficio circa 6 mila accessi in Internet, di cui 4.500 su Facebook, "per durate talora significative". La sezione lavoro della Cassazione ha infatti rigettato il ricorso della lavoratrice: già i giudici di merito - il tribunale e la Corte d'appello di Brescia - avevano dichiarato legittimo il suo licenziamento, sottolineando la "gravità della condotta" della donna, "in contrasto con l'etica comune" e "l'idoneità certa" di tale comportamento "ad incrinare la fiducia datoriale".

Sentenza. I giudici del Palazzaccio hanno condiviso la linea seguita nei processi di merito: nessuna "violazione delle regole sulla tutela della privacy", come sostenuto dalla lavoratrice nel suo ricorso, mentre la riconducibilità alla sua persona della consultazione di siti "estranei all'ambito lavorativo" è stata riscontrata grazie al fatto che "gli accessi alla pagina personale Facebook richiedono una password", cosa che esclude "dubbi sul fatto che fosse la titolare dell'account ad averlo eseguito". 

Articoli Correlati
Fatti&Storie